fbpx

2 min readIl giro del mondo nello spazio di un album

Joan Thiele: Il giro del mondo nello spazio di un album

Fondere, smontare e ricomporre, portare i viaggi, le esperienze, le diverse culture dentro la propria arte: Joan Thiele viene spesso raccontata così, come una ragazza Italo –Svizzero – Colombiana che ha vissuto gran parte della propria vita viaggiando: Sud America, Colombia, Costarica, e poi Inghilterra, Italia.

Questa esperienza multicolore è la base stilistica, la premessa che le permette di fondere latinità e sonorità elettroniche, arrangiamenti ricercati e momenti cantautorali.

Suoni mai banali, che escono dai cassetti delle esperienze passate e fanno la differenza, dando spessore a pezzi che raccontano tanto dell’artista quanto del mondo che ci circonda. Sensazioni di crescita e di esperienza, introspezione e ricerca.

La sua storia artistica inizia nel 2016 con il primo ep, “Joan Thiele”, anticipato dai singoli “Save Me” e “Taxi Driver”: sei brani inediti scritti da Joan (“Save me”, “Cup of coffee”, “Heartbeat”, “Rainbow”, “Taxi Driver”, “You & I”) e una cover di Lauryn Hill “Lost Ones” in una nuova interpretazione.

Dal vivo è sempre stata accompagnata da un gruppo siciliano, gli Etna, con cui ha condiviso il palco di molti tra i più importanti festival italiani: Rock in Roma, i-Days a Monza, Goa Boa a Genova, l’Home Festival di Treviso.

Nominata nella categoria Best New Artist degli MTV Awards 2016, ha continuato la sua corsa fino al 2018, con un nuovo album in uscita anticipato dal singolo “Armenia”.

Scritto e composto in inglese e registrato nel nuovo Red Bull studio mobile, il brano prosegue la ricerca sonora con un andamento esotico e travolgente, lasciando esplodere tutta l’emozione di un viaggio in Colombia, dove abita suo padre, e la straripante vena artistica della città di Armenia, che ha creato in lei l’urgenza di scrivere e comporre come trascinata dal ritmo della vita attorno a lei.

Joan sarà in tour per tutta l’estate, per presentare il nuovo album in uscita sotto etichetta Universal, con un tour che continua ad aggiungere date importanti. Il suo bus anni ‘50 farà tappa anche a Vicenza domenica 24 giugno, dove si esibirà come headliner.